Le mostre

EcoMuseo Vajont: continuità di vita di Erto e Casso (PN)
Mostre:
“Partire partirò partir bisogna…”,
“Frammenti di memoria”,
“L’arte scultorea”,
“Voci del Bosco”
“La magia del legno che diventa carbone”

Il Simposio di scultura

Dopo il doveroso silenzio del ricordo per tre giorni di seguito, nella valle riecheggerà l’antico rumore degli scalpelli al lavoro…

Il Simposio di scultura su legno di Erto e Casso si tiene ogni anno la seconda settimana di ottobre, un periodo simbolico che vuole celebrare la continuità di vita dopo aver lasciato spazio alla memoria della catastrofe del Vajont, avvenuta il 9 ottobre 1963. Gli amici artisti si incontrano per dare vita a opere di creatività e fantasia in un Simposio che per tre giorni anima l’autunno ertano.

Chi siamo

E’ il legno il filo conduttore del museo che custodisce la storia del paese. Legno che diventa giocattolo, culla e suole delle scarpe nella mostra dedicata al bambino.
Oggetto da vendere, carretto e cassettiera sulle spalle dei coraggiosi venditori ambulanti nel percorso tematico “Partire partirò partir bisogna…”
Arte nelle opere lignee del Simposio di scultura che celebrano la continuità di vita dopo l’anniversario della catastrofe del Vajont e che dividono lo spazio con una selva in miniatura di tronchi.
Mauro Corona ha dato voce agli alberi nel percorso audio-sonoro accessibile con le cuffie sensoriali.
L’incanto dei boschi ertani si svela poi attraverso “La magia del legno che diventa carbone” mostra dedicata all’antico mestiere del carbonaio.